Decreto 101 (convertito nella legge 125/2013). La Guida della Funzione Pubblica

Il 30 ottobre la legge 125 ha convertito in legge, con numerose modifiche, il decreto legge 101, in tema di razionalizzazione delle Pubbliche Amministrazioni.

Sul sito web istituzionale del Ministero Semplificazione e PA è stata pubblicata una Guida di lettura del provvedimento,che è disponibile qui.

2 pensieri su “Decreto 101 (convertito nella legge 125/2013). La Guida della Funzione Pubblica

  1. La cosa che personalmente mi lascia perplesso, è il silenzio generale su una questione che forse meriterebbe ben altra attenzione e risonanza, visto che nei fatti, potrebbe riguardare tantissimi soggetti ed altrettante procedure, molte delle quali risalenti a solo pochi giorni addietro, che hanno significato anche un “costo” per la collettività. Da una lettura globale del provvedimento, ed in particolare dalla nuova stesura relativa all’art.36 del 165/2001, con buona pace di tutti, mediante la Legge di conversione del D.L.101/2013, il Parlamento, con un colpo di spugna, sembra avere nei fatti, reso “inutilizzabili” le graduatorie formate per assunzioni a tempo determinato. Eppure è evidente che la portata di una simile previsione ha senz’altro, qualora così fosse confermato, delle enormi ripercussioni su tantissimi soggetti e procedure, inoltre, non prevedendo apparentemente neanche delle “deroghe” per settori delicati (es: servizi essenziali quali la Polizia locale…) crea delle forti criticità nel breve e medio periodo in una molteplicità di Enti, basti pensare ad esempio, alle assunzioni dei c.d. “vigili stagionali”. A questo si aggiunge la “forte compressione” dei diritti di vincitori ed idonei di graduatorie a tempo determinato che solo qualche giorno addietro erano “efficaci” ed utilizzabili ed adesso potrebbero non esserlo più. Questo comporta poi, anche una seria “disparità di trattamento” – con evidenti profili di incostituzionalità – tra chi “precario” da almeno 36 mesi (spesso assunto anche in assenza di concorso) e chi invece, avendo espletato e vinto un pubblico concorso, seppur a tempo determinato, viene nei fatti “ghettizzato”. Credo sia un argomento meritevole di spunti interessanti e di adeguati approfondimenti.

  2. Ci sono situazioni ancor più esasperate di quella descritta. L’art. 4 c. 6 della L. 125/2013 prevede che possono partecipare alle procedure di reclutamento speciale transitorio (concorsi esclusivamente riservati) due gruppi di “precari”: coloro che sono in possesso del requisito della L. 296/06 art. 1 c. 519 e 558 e L. 244 art. 3 c. 90, e coloro che hanno una anzianità di servizio di almeno 3 anni nello stesso Ente nell’ultimo quinquennio. Tuttavia, le proroghe finalizzate art. 4 c. 9, si possono disporre solo a favore del secondo gruppo (almeno 3 anni nell’ultimo quinquennio nello stesso Ente). Capita, allora, che chi ha il requisito della L. 296/06 e L. 244/07 maturato in un Ente (es. Provincia, dove ha maturato una anzianità di servizio di 10 anni) e successivamente, in seguito a procedura concorsuale, si è collocato al PRIMO posto nella graduatoria a tempo determinato in un altro Ente(es Comune) dove però, alla data di entrata in vigore della Legge 125/13, non ha ancora maturato i 3 anni di anzianità, ma solo 19 mesi e mezzo, può partecipare ai concorsi esclusivamente riservati ma si vede negare la proroga. Proroga, disposta invece a favore di quelli che si trovano in posizioni inferiori nella graduatoria solo perchè hanno maturato 3 anni di servizio presso la stessa Amministrazione. Si parla di premialità, di merito, di decreto “salva-precari”. Parole vuote! Premialità e merito: E’ legittimo prorogare i contratti di coloro che sono collocati al 2°, al 3° e al 4° posto nella graduatoria a t.d. senza prorogare il contratto al Primo? Credo che sia ingiusto e anticostituzionale! Decreto “salva-precari” che consente a chi ha solo 3 anni di servizio di essere prorogato e di continuare a lavorare mentre a chi ha 12 anni di servizio di andare a casa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il risultato dell\'operazione *